Connect with us

Brands, Events and People

Occhiali e celebrities: ecco i modelli Luxottica indossati dalle star al 74th Cannes Film Festival

Pubblicato

il

Sean Penn indossa occhiali Ray-Ban Aviator

Alla 74esima edizione del Festival di Cannes 2021, conclusosi l’altro ieri, sono molte le celebrities che sono state riprese con gli ultimissimi modelli di occhiali prodotti su licenza da Luxottica per alcune tra le più prestigiose firme della Moda e dell’eyewear. Vediamole insieme commentando gli occhiali che hanno scelto:

Sean Penn in Ray-Ban Aviator 

Nato in California il 17 agosto 1960, Sean Penn ha fatto il suo debutto cinematografico nel 1981 con Taps. Il suo ruolo da protagonista è arrivato nel 1982, quando ha interpretato Jeff Spicoli in Fast Times alla Ridgemont High. Successivamente lo si é potuto vedere in Dead Man Walking (1995) e She’s So Lovely (1997), Tra i tanti impegni ha anche scritto e diretto The Crossing Guard (1995). Tra gli ultimi lavori di Penn ricordiamo Up in the Villa, The Weight of Water, All the King’s Men, I Am Sam, Milk e Tree of Life. Ha conquistato diversi riconoscimenti sia come attore che come regista. Spiccano due premi Oscar quale miglior attore. All’inizio del 2016, Penn é stato travolto da uno scandalo a causa della sua intervista per il periodico Rolling Stone al latitante signore della droga Joaquin “El Chapo” Guzman.

Sean Penn indossa occhiali Ray-Ban Aviator
Sean Penn indossa occhiali Ray-Ban Aviator

Ray-Ban Aviator:

Un’icona di stile e design, e il modello che ha segnato la nascita di una leggenda senza tempo – Ray-Ban Aviator 3025 è stato tutto questo sin dal suo lancio nel 1937. Creato per soddisfare le esigenze sempre più impegnative dei piloti dell’aeronautica militare statunitense, il Ray-Ban -Ban Aviator ha gradualmente guadagnato il suo posto come accessorio di moda essenziale per uomini e donne. Ray-Ban è all’altezza del suo nome offrendo la massima protezione a chi lo indossa, offrendo allo stesso tempo lo stile distintivo che è diventato famoso in tutto il mondo grazie alle numerose star di Hollywood che hanno scelto gli occhiali Ray-Ban come parte del loro look.


Owen Wilson in Ray-Ban Aviator 

Owen è un attore, comico, produttore e sceneggiatore americano. Mentre era all’Università del Texas ad Austin, ha incontrato il regista Wes Anderson. I due si sono uniti per realizzare il film Bottle Rocket nel 1996, il primo di numerosi film su cui avrebbero lavorato insieme, che includeva Rushmore, The Life Aquatic e The Royal Tenenbaums. Wilson ha recitato in una serie di commedie nel corso degli anni e ha anche prestato il suo talento vocale alla voce di Lighting McQueen, un’auto animata, in Cars and Cars 2, oltre ad altri progetti animati.

Owen Wilson indossa occhiali indossa occhiali Ray-Ban Aviator
Owen Wilson indossa occhiali indossa occhiali Ray-Ban Aviator

Ray-Ban Aviator

Un’icona di stile e design, e il modello che ha segnato la nascita di una leggenda senza tempo – Ray-Ban Aviator 3025 è stato tutto questo sin dal suo lancio nel 1937. Creato per soddisfare le esigenze sempre più impegnative dei piloti dell’aeronautica militare statunitense, il Ray-Ban -Ban Aviator ha gradualmente guadagnato il suo posto come accessorio di moda essenziale per uomini e donne. Ray-Ban è all’altezza del suo nome offrendo la massima protezione a chi lo indossa, offrendo allo stesso tempo lo stile distintivo che è diventato famoso in tutto il mondo grazie alle numerose star di Hollywood che hanno scelto gli occhiali Ray-Ban come parte del loro look.


Wes Anderson in Ray-Ban Aviator

È uno dei più famosi registi americani. I suoi film sono noti per la loro simmetria,  eccentricità  nonchè per i loro distintivi stili visivi e narrativi. Tre dei suoi film – I Tenenbaum, Moonrise Kingdom e The Grand Budapest Hotel – secondo un sondaggio commissionato nel 2016 da BBC Cultura, sono da ritenersi tra film di maggior successo a partire dal 2000 . Anderson è stato candidato all’Oscar  per la  migliore sceneggiatura originale  per The Royal Tenenbaums (2001), Moonrise Kingdom (2012) e per The Grand Budapest Hotel (2014), così come l’ Oscar per il miglior film d’animazione  per i  film in  stop-motion Fantastic Mr. Fox (2009) e Isle of Dogs (2018). Con The Grand Budapest Hotel, ha ricevuto le sue prime nomination all’Oscar come  miglior regista  e  miglior film , e ha vinto il  Golden Globe per il miglior film – Musical o commedia  e il  BAFTA Award per la migliore sceneggiatura originale . 

Wes Anderson indossa occhiali Ray-Ban Aviator
Wes Anderson indossa occhiali Ray-Ban Aviator

Ray-Ban Aviator

Un’icona di stile e design, e il modello che ha segnato la nascita di una leggenda senza tempo – Ray-Ban Aviator 3025 è stato tutto questo sin dal suo lancio nel 1937. Creato per soddisfare le esigenze sempre più impegnative dei piloti dell’aeronautica militare statunitense, il Ray-Ban -Ban Aviator ha gradualmente guadagnato il suo posto come accessorio di moda essenziale per uomini e donne. Ray-Ban è all’altezza del suo nome offrendo la massima protezione a chi lo indossa, offrendo allo stesso tempo lo stile distintivo che è diventato famoso in tutto il mondo grazie alle numerose star di Hollywood che hanno scelto gli occhiali Ray-Ban come parte del loro look.


Adriano Giannini in Ray-Ban Aviator 

Nato a Roma e figlio degli attori Giancarlo Giannini e Livia Giampalmo, Giannini ha iniziato la sua carriera a 18 anni. Come doppiatore, Adriano ha notoriamente doppiato le voci sia di Heath Ledger che dei ritratti di Joker di Joaquin Phoenix nelle versioni italiane di The Dark Knight e Joker rispettivamente. Ha anche fornito le voci italiane di Christian Bale, Tom Hardy, Benicio del Toro, in alcuni dei loro lavori.

Adriano Giannini indossa occhiali Ray-Ban Aviator
Adriano Giannini indossa occhiali Ray-Ban Aviator

Ray-Ban Aviator:
Un’icona di stile e design, e il modello che ha segnato la nascita di una leggenda senza tempo – Ray-Ban Aviator 3025 è stato tutto questo sin dal suo lancio nel 1937. Creato per soddisfare le sempre più impegnative esigenze di US Air Piloti della forza, il Ray-Ban Aviator si è gradualmente guadagnato il suo posto come accessorio di moda essenziale per uomini e donne. Ray-Ban è all’altezza del suo nome offrendo la massima protezione a chi lo indossa, offrendo allo stesso tempo lo stile distintivo che è diventato famoso in tutto il mondo grazie alle numerose star di Hollywood che hanno scelto gli occhiali Ray-Ban come parte del loro look.


Izabel Goulart in Ray-Ban 

È una modella brasiliana. È meglio conosciuta perper aver interpretato uno degli angeli di Victoria’s Secret dal 2005 al 2008. Ha collaborato con molte Case di Moda. E’ una wellness influencer di successo e i suoi video su attività fisica ed alimentazione sono seguitissimi.

Izabel Goulart indossa occhiali Ray-Ban State Street
Izabel Goulart indossa occhiali Ray-Ban State Street

Ray-Ban State Street

Basandosi sul suo status, il profilo grosso e le sopracciglia svasate rendono State Street difficile da perdere con una cornice di dimensioni più grandi e un look retrò caldo. Riproducendo il tono di una tavolozza vintage, i nuovi havana abbinati a sfumature sfumate, i caratteristici rivetti aggiungono un’icona ma una finitura eccezionale. Questo stile sarà presente nella nuova campagna You Are On.


Riccardo Scamarcio in Ray-Ban Wayfarer

È un attore e produttore cinematografico italiano. Il suo debutto nel ruolo di attore è avvenuto in una serie TV nel 2000, mentre il suo primo ruolo da protagonista in un film lo ha avuto in Three Steps Over Heaven  (2004), diretto da  Luca Lucini. Sono bastate queste due partecipazioni per farlo conoscere al pubblico, specie quello più giovane. La sua consacrazione a sex symbol da parte del pubblico femminile ha amplificato il suo successo conducendolo ad un ruolo in  Texas  (2005), diretto da  Fausto Paravidino per poi essere chiamato nel cast di Romanzo Criminale diretto da Michele Placido, dove ha interpretato un personaggio mafioso monosillabico ed enigmatico.

Riccardo Scamarcio indossa occhiali Ray-Ban Wayfarer
Riccardo Scamarcio indossa occhiali Ray-Ban Wayfarer

Ray-Ban Wayfarer

Un’autentica riproduzione dell’originale, Ray-Ban Wayfarer RB 2140 realizzata interamente in acetato stampato a iniezione. Questa nuova edizione è un omaggio a un modello che è diventato un’icona dello spirito rock anticonformista dal suo lancio nel 1952. L’occhiale preferito da molte delle star più durature della musica, Ray-Ban Wayfarer ha recitato in una serie di film di successo , tra cui Colazione da Tiffany, The Blues Brothers e Risky Business.


Adrien Brody in Persol 

Nato a Woodhaven, nel Queens, a New York, Adrien ha frequentato l’American Academy of Dramatic Arts e la LaGuardia High School for the Performing Arts di New York. Nonostante una forte interpretazione in  La sottile linea rossa  (1998), i vincoli di tempo hanno costretto il regista a modificare gran parte della parte di Adrien. Nonostante il suo successivo lavoro con Spike Lee e Barry Levinson, non è mai diventato la star che molti si aspettavano diventasse fino a quando Roman Polanski non lo chiamò per interpretare un celebre pianista ebreo nella Varsavia occupata dai nazisti. Così il suo talento si è potuto rivelare in tutta la sua pienezza nella pellicola Il pianista (2002). È un frequente collaboratore di Wes Anderson, avendo recitato in quattro suoi film: The Darjeeling Limited (2007), Fantastic Mr. Fox (2009), The Grand Budapest Hotel (2014) e il prossimo The French Dispatch.

Adrien Brody indossa Persol – 0PO0649
Adrien Brody indossa occhiali Persol – 0PO0649

Persol – 0PO0649

Un viaggio in tram da Torino alla polvere e al sole eternamente presenti. Progettato originariamente nel 1957 per i tranvieri torinesi, il modello 649 è subito diventato un successo al di là dei suoi utilizzi professionali. La sua trasformazione in leggenda avvenne quando Marcello Mastroianni lo indossò nella pellicola “Divorzio all’italiana”.

Benicio Del Toro in Persol

Benicio Del Toro è un attore e produttore cinematografico americano di origine portoricana che è entrato nel cuore dei suoi fan con l’ interpretazione del poliziotto messicano Javier Rodríguez in “Traffic”, ruolo che gli è valso un Oscar come miglior attore non protagonista. Prima di avere un ruolo nel cinema mainstream, era un attore televisivo che interpretava modesti ruoli di personaggi cattivi in ​​serie televisive. Nel 2021, del Toro reciterà nel film di Wes Anderson The French Dispatch.

Benicio Del Toro indossa Persol – 0PO0009
Benicio Del Toro indossa occhiali Persol – 0PO0009

Persol – 0PO0009 

Nato per offrire una protezione totale dal sole ad ogni angolazione, il modello 4 Lenti è stato creato per la prima volta da Persol nel 1935. Un tempo chiamati “occhiali da ghiacciaio”, in quanto garantivano la massima protezione dai riflessi del sole sulla neve ora ritornano più iconici che mai.


Sophie Marceau in Valentino 

È un’attrice cinematografica, regista, scrittrice, autrice e sceneggiatrice francese. All’età di 14 anni da adolescente fa il suo esordio nel film di grandissimo successo in Francia, così come in altri Paesi europei, “il Tempo delle Mele”(1980). Successo amplificato con il “Tempo delle Mele 2” (1982).  Per questa interpretazione ha conquistato il Cesar Film Award nella categoria Best Young Actor. Successivamente è stata scelta per il ruolo della Principessa del Galles in Braveheart di Mel Gibson (1995) che ha segnato il suo debutto in lingua inglese. Nel 1997 ha interpretato il ruolo di Anna Karenina.

Sophie Marceau indossa occhiali Valentino 0VA9082
Sophie Marceau indossa occhiali Valentino 0VA9082

Valentino – 0VA9082

Ispirato da un’audace espressione di sé, le iconiche combinazioni di colori e il Valentino VLogo Signature creano un fascino potente per questo stile must-have. Squadrato oversize in acetato con profili spessi, terminali accentuati e aste larghe e asta VLogo Signature in metallo ad alte prestazioni in oro o colorata in tinta con le aste.


Jessica Chastain in Valentino 

Nata e cresciuta a Sacramento, in California, è un’attrice e produttrice americana. Conosciuta per i suoi ruoli in film con temi femministi, i suoi riconoscimenti includono un Golden Globe e nomination per due Academy Awards. La rivista Time l’ha nominata una delle 100 persone più influenti al mondo nel 2012. È stata una guest star in diverse serie televisive, tra cui Law & Order: Trial by Jury. Chastain è il fondatore della società di produzione Freckle Films, creata per promuovere la diversità nel cinema. È lavoce di diversi spot sui problemi di salute mentale, nonché sull’uguaglianza di genere e razziale. 

Jessica Chastain indossa occhiali Valentino - 0VA4090
Jessica Chastain indossa occhiali Valentino – 0VA4090


Valentino – 0VA4090


Accentuando l’identità dallo spirito libero di una forma super audace, colori sorprendenti e il nuovo profilo dell’asta Valentino V, il tocco vibrante di questo look espressivo. Forma a occhi di gatto dal profilo ultra audace con rivetti distintivi sui terminali e grandi decorazioni strutturali delle aste a V in tonalità di metallo lucido e iconiche borchie sulle estremità delle aste.


Pedro Almodovar in Prada

È un regista, sceneggiatore, produttore ed ex attore spagnolo. È noto per i film melodrammatici colorati che spesso presentano temi sessuali. È diventato famoso come regista e sceneggiatore durante La Movida Madrileña, un rinascimento culturale che seguì dopo la fine della Spagna franchista. I suoi primi film hanno caratterizzato il senso di libertà sessuale e politica del periodo. Nel 1986, ha fondato la sua società di produzione cinematografica, El Deseo, con il fratello minore Agustín Almodóvar. È noto per le sue collaborazioni con attori spagnoli come Antonio Banderas e Penelope Cruz e i suoi film hanno ottenuto interesse, premi e nomination in tutto il mondo.

Pedro Almodovar indossa occhiali Prada 0PR 19WS
Pedro Almodovar indossa occhiali Prada 0PR 19WS

Prada – 0PR 19WS

Questi occhiali da sole Prada Uomo svelati in occasione della sfilata Prada Multiple Views SS21 sono rivisitati in una nuova versione dalla forma rettangolare con profili affilati. Le aste recanti una reinterpretazione iconografica del tradizionale logo triangolare di Prada presentano un’innovativa costruzione tridimensionale. Disponibile nei toni del nero, nero opale, tartaruga, ardesia e blu cristallo con lenti piatte.


Ester Exposito in Prada

Nata a Madrid nel 2000, è un’attrice e modella spagnola molto conosciuta per il suo ruolo da protagonista come Carla Rosón Caleruega nella serie drammatica spagnola Elite, trasmessa su Netflix. Dopo il successo della serie, ha firmato contratti per due film sempre distribuiti da Netflix: “Quando gli angeli dormono” e “Tuo figlio”, con un ruolo da protagonista in entrambe le pellicole. Nel dicembre 2020 ha presentato in anteprima il film “Mamma o papà”, sotto la regia di Dani de la Orden, insieme a Paco León e Miren Ibarguren.

Ester Exposito indossa occhiali Prada - 0PR 17WS
Ester Exposito indossa occhiali Prada – 0PR 17WS

Prada – 0PR 17WS

Svelati in occasione della sfilata Prada Multiple Views SS21, gli occhiali della nuova collezione Prada Symbole sono interamente realizzati in acetato e presentano un design geometrico deciso. L’audace cornice è sottolineata dai profili all’avanguardia del frontale definiti dal disegno spigoloso estremamente netto dei bordi esterni. La costruzione tridimensionale dell’asta è personalizzata da una reinterpretazione iconografica del tradizionale logo triangolare di Prada. Disponibile nei toni del Nero, Talco, Tartaruga, Blu Cristallo e Cipria, abbinati a lenti piatte in tinta unita.


Margherita Buy in Giorgio Armani

Nata a Roma, in una famiglia di origini francesi e toscane, ha frequentato l’Accademia d’Arte Drammatica. Ora Margherita Buy è una delle attrici più apprezzate del cinema europeo: sette volte vincitrice del David di Donatello e sette volte Nastro d’argento. “Le fate ignoranti” di Ferzan Özpetek, in cui interpreta una vedova che scopre che suo marito ha avuto una relazione con un uomo negli ultimi sette anni, le è valso un Nastro d’argento come miglior protagonista. “Il miglior giorno della mia vita” di Cristina Comencini le è valso un altro Nastro d’argento, questa volta come miglior attrice non protagonista. Con “Caterina nella Grande Città” di Paolo Virzì ha vinto il suo terzo David e il suo terzo Nastro d’Argento come miglior attrice non protagonista. Per la sua interpretazione nel film “Manuale d’amore” di Giovanni Veronesi ha conquistato il suo quarto David di Donatello.

Margherita Buy indossa occhiali Giorgio Armani 0AR 6114
Margherita Buy indossa occhiali Giorgio Armani 0AR 6114

Giorgio Armani – 0AR 6114

Questi occhiali panto in metallo placcato oro 18kt sono abbinati a lenti a specchio, anch’esse placcate oro. La raffinatezza e la lucentezza di questo modello ricordano le linee sofisticate ed eleganti di Giorgio Armani gioielleria raffinata. Le montature leggere hanno aste tubolari e terminali a goccia con logo. Disponibile anche in oro rosa con lenti sfumate azzurre.

https://www.luxottica.com/it

Leggi anche:

Brands, Events and People

Il Natale di Tod’s: le immagini del cocktail “Roaring Holidays” nella Boutique di via Montenapoleone

Pubblicato

il

Tod's Boutique Montenapoleone Roaring Holidays Natale 2021

Si è tenuto ieri sera nella Boutique Tod’s di via Montenapoleone un cocktail di introduzione alla selezione di idee regalo “Tod’s Roaring Holidays” al quale hanno partecipato molti personaggi famosi, entusiasti di scoprire il nuovo allestimento del prestigioso negozio in occasione delle prossime festività.

allestimenti Tod's
L’allestimento “Roaring Holidays” nella Boutique Tod’s di via Montenapoleone
Filippa Lagerback al “Roaring Holidays”, nella Boutique Tod’s di via Montenapoleone
Filippa Lagerback al “Roaring Holidays”, nella Boutique Tod’s di via Montenapoleone
Giovanni Caccamo al “Roaring Holidays”, nella Boutique Tod’s di via Montenapoleone
Giovanni Caccamo al “Roaring Holidays”, nella Boutique Tod’s di via Montenapoleone
Mariavittoria Paolillo al “Roaring Holidays”, nella Boutique Tod’s di via Montenapoleone
Mariavittoria Paolillo al “Roaring Holidays”, nella Boutique Tod’s di via Montenapoleone
Bianca Balti al “Roaring Holidays”, nella Boutique Tod’s di via Montenapoleone
Bianca Balti al “Roaring Holidays”, nella Boutique Tod’s di via Montenapoleone
Bianca Balti al “Roaring Holidays”, nella Boutique Tod’s di via Montenapoleone
Sveva Alviti al “Roaring Holidays”, nella Boutique Tod’s di via Montenapoleone
Bianca Balti al “Roaring Holidays”, nella Boutique Tod’s di via Montenapoleone
Valentina Scambia e Federico Floriani al “Roaring Holidays”, nella Boutique Tod’s di via Montenapoleone
Bianca Balti al “Roaring Holidays”, nella Boutique Tod’s di via Montenapoleone
Marica Pellegrinelli al “Roaring Holidays”, nella Boutique Tod’s di via Montenapoleone

tods.com

Continua a leggere

Brands, Events and People

Guida MICHELIN Italia 2022. Nella penisola brillano 35 nuove stelle

Pubblicato

il

Cover Guida Michelin 2022

Ieri, 23 Novembre 2021, è stata presentata la 67a edizione della Guida MICHELIN. La sempre emozionante cerimonia ha visto l’assegnazione di 36 nuove stelle a 35 ristoranti, con l’entusiasmante exploit del ristorante Tre Olivi di Paestum, passato da zero a due stelle MICHELIN.

Tra le 35 novità stellate che hanno delineato un nuovo firmamento in quattordici regioni della penisola, la Campania si è distinta sia per il numero di riconoscimenti complessivi (8 nuove stelle), che per la presenza dei due nuovi ristoranti due stelle MICHELIN, inseriti nella selezione italiana 2022.

Nella Guida MICHELIN Italia 2022, figurano dunque 2 new entry 2 stelle e 33 novità 1 stella, per un totale di 378 ristoranti stellati. Confermati tutti gli 113 stelle.

L’evento, trasmesso in Live streaming, è stato condotto da Fjona Cakalli con la partecipazione di Federica Pellegrini che, in veste di Ambassador Michelin, ha annunciato i 17 ristoranti ai quali gli ispettori hanno assegnato la Stella Verde MICHELINIl totale dei ristoranti con stella verde sale così a 30.

Il video ufficiale diffuso da Michelin parte in ritardo. Cliccare su Play e spostare il cursore avanti fino all’8,30° minuto

La App Michelin ristoranti è già disponibile gratuitamente per iOS e Android. L’edizione cartacea della Guida MICHELIN Italia 2022 sarà invece disponibile in tutte le librerie a partire dal 3 dicembre.

Salgono a 38 i ristoranti che “meritano una deviazione:

Ristorante Krèsios – Telese Terme (BN) 

Nella moderna atmosfera del ristorante Krèsios, il servizio molto professionale e perfettamente ritmato è il giusto contorno di una cucina che sorprende per idea, studio e creatività. Un unico percorso di degustazione intrigante e a tratti provocatorio quello proposto dallo chef Giuseppe Iannotti, icui sapori esotici che strizzano l’occhio al Belpaese sono espressi con grande perfezione tecnica. Pochi ingredienti e tanta precisione per una proposta che esce dall’ordinario per far vivere al palato un’esperienza totale.

Ristorante Tre Olivi – Paestum (SA) 

Una esperienza gastronomica sensoriale e territoriale. La grande personalità dello chef Giovanni Solofra emerge dalla sua proposta di cucina, capace di sorprendere per finezza, gusto, idea e tecnica. Generosità, precisione, minuziosità in ogni preparazione sono le parole d’ordine per produrre accostamenti spesso intriganti.

Le 33 novità 1 stellain guida portano a 329 il totale dei ristoranti 1 stella nella selezione 2022. Tra le novità, sedici ristoranti sono timonati da chef con età uguale oppure inferiore ai 35 anni. Cinque chef sono under 30.

Luigi LeporeLamezia TermeCZCALABRIA
HyleSan Giovanni in FioreCSCALABRIA
ARIANapoliNACAMPANIA
Rear Restaurant*NolaNACAMPANIA
Li GalliPositanoSACAMPANIA
Contaminazioni Restaurant*Somma VesuvianaNACAMPANIA
Cannavacciuolo Countryside*Vico EquenseNACAMPANIA
Mater1apr1maPontiniaLTLAZIO
San GiorgioGenovaGELIGURIA
Orto by Jorg Giubbani**MonegliaGELIGURIA
Felix Lo Basso home & restaurantMilanoMILOMBARDIA
Bianca sul Lago by Emanuele Petrosino*OggionoLCLOMBARDIA
La Speranzina Restaurant & RelaisSirmioneBSLOMBARDIA
Osteria degli Assonica**SorisoleBGLOMBARDIA
L’Arcade*Porto San GiorgioFMMARCHE
Retroscena** *Porto San GiorgioFMMARCHE
Unforgettable*TorinoTOPIEMONTE
Nazionale*VernanteCNPIEMONTE
Primo Restaurant**LecceLEPUGLIA
Porta di BassoPeschiciFGPUGLIA
SomuArzachena / Baia SardiniaSSSARDEGNA
Fradis Minoris*PulaCASARDEGNA
Gusto by SadlerSan TeodoroSSSARDEGNA
Gagini RestaurantPalermoPASICILIA
OctavinArezzoARTOSCANA
Osteria AcquarolSan Michele AppianoBZTRENTINO A. A.
1908*Renon / SoprabolzanoBZTRENTINO A. A.
L’AcciugaPerugiaPGUMBRIA
La FavellinaMaloVIVENETO
Locanda Le 4 CiacoleRoverchiaraVRVENETO
LocalVeneziaVEVENETO
Wistèria**VeneziaVEVENETO
Zanze XVI*VeneziaVEVENETO

* under 35 ** under 30

Confermati gli 113 stelleche “valgono il viaggio”

Nel linguaggio della Guida MICHELIN 2022, le insegne con tre macaron propongono una cucina che “vale il viaggio”, ed i ristoranti 3 stelle selezionati sono:

Piazza Duomo ad Alba (CN), Da Vittorio a Brusaporto (BG), St. Hubertus, a San Cassiano (BZ), Le Calandre a Rubano (PD), Dal Pescatore a Canneto Sull’Oglio (MN), Osteria Francescana a Modena, Enoteca Pinchiorri a Firenze, La Pergola a Roma, Reale a Castel di Sangro (AQ), Mauro Uliassi a Senigallia (AN) e Enrico Bartolini al MUDEC a Milano.

Il panorama stellato della Guida MICHELIN Italia 2022:

1 stella329 ristoranti (33 novità)

2 stelle38 ristoranti (2 novità)

3 stelle11 ristoranti

Per un totale di 378 ristoranti stellati.

Nella classifica delle stelle per regioni, la Lombardia mantiene la leadership grazie ai 56 ristoranti (33 stelle 52 stelle 481 stella) ed ai 4 nuovi stellati. La Campania si aggiudica invece il record annuale di novità (ben 7!!) issandosi al secondo posto con 48 ristoranti, (82 stelle 401 stella). Di conseguenza il Piemonte, 1 novità e 45 ristoranti (13 stelle 42 stelle 401 stella), scende sul gradino più basso del podio mentre con una new-entry e 41 ristoranti (13 stelle 52 stelle 351 stella), la Toscana scala in quarta posizione davanti al Veneto che a fronte del totale di 36, è la seconda regione più premiata del 2022 grazie a 5 nuovi ristoranti stellati (13 stelle 42 stelle 311 stella) presenti in guida.

Tra le province, Napoli si conferma prima per distacco con 30 ristoranti (62 stelle 241 stella) seguita da Roma in seconda posizione con 20(13 stelle 12 stelle 181 stella) e quindi da Bolzano; terza a quota 19 ristoranti (13 stelle 32 stelle 151 stella) davanti a Cuneo con 18 (13 stelle 22 stelle 151 stella). Milano scivola in quinta posizione con 16 ristoranti stellati (13 stelle 32 stelle 121 stella)

Il nostri Ispettori hanno osservato una sorprendente energia, perché nonostante tutte le difficoltà che i ristoranti hanno attraversato e le sfide che stanno ancora affrontando, il livello e gli standard qualitativi sono talmente elevati da registrare il più alto numero di ristoranti stellati mai raggiunto in Italia, e possiamo essere molto fiduciosi per il futuro considerato il numero di giovani chef stellati di questa edizione”

Gwendal Poullennec, Direttore Internazionale della Guida MICHELIN.

STELLE VERDI MICHELIN green

La Stella Verde è un simbolo che contraddistingue i ristoratori in prima linea sul fronte della sostenibilità e può essere attribuito a qualsiasi ristorante, non solo ai ristoranti stellati o ai Bib Gourmand. Nell’assegnare il riconoscimento, gli ispettori prendono in considerazione molteplici fattori: la produzione delle materie prime, il rispetto del lavoro e il supporto dei produttori locali, la riduzione degli sprechi, la gestione dei rifiuti, le azioni mirate a minimizzare l’utilizzo delle risorse energetiche e l’impatto della struttura sull’ambiente, la formazione sostenibile dei giovani, sono solo alcuni dei temi.

Sono 30 in totale i ristoranti con stella verde, di seguito le 17 novità:

CampaniaLe Trabe1 stellagreen
LazioAminta Resort1 stellagreen
LazioMater Terraegreen
LombardiaLa Présef1 stellagreen
PugliaCasamatta1 stellagreen
SardegnaFradis Minoris1 stellagreen
SiciliaSignum1 stellagreen
ToscanaPS Ristorantegreen
Trentino Alto Adige19081 stellagreen
Trentino Alto AdigeAntica Locanda al Cervo-Landgasthof zum Hirschenbibgreen
Trentino Alto AdigeAgritur El Masbibgreen
Trentino Alto AdigeTerra2 stellegreen
Trentino Alto AdigeLerchner’s In Runggenbibgreen
VenetoVenissa1 stellagreen
VenetoSanBrite1 stellagreen
VenetoLa Cru1 stellagreen
VenetoOsteria Enoteca Gambrinusbibgreen

Le iniziative degli chef che hanno ricevuto la stella verde saranno dettagliate e presentate sul sito della Guida Michelin (guide.michelin.com/it/it) durante il corso dell’anno con la creazione di contenuti specifici.

La Guida MICHELIN 2022 oltre le stelle

Totale ristoranti in Guida: 1900

La presenza di un ristorante all’interno delle Guida MICHELIN è un attestato di qualità e, nell’ottica di una selezione più diretta, immediata e leggibile, Michelin ha scelto di ritirare il simbolo del Piatto.

bib 255 Bib Gourmand di cui 20 novità

La faccia sorridente dell’omino Michelin che si lecca i baffi, indica un ristorante capace di proporre una piacevole esperienza gastronomica, con un menu completo a meno di 35 €

vini Carta dei vini particolarmente interessante: 575

gran lussoEsercizi ameni: 798

PREMI SPECIALI

In occasione della presentazione della Guida MICHELIN Italia 2022 sono stati conferiti 4 premi speciali:

  • PREMIO MICHELIN GIOVANE CHEF 2022 by Lavazza, assegnato a Solaika Marrocco, Primo Ristorante, Lecce
  • PREMIO MICHELIN SERVIZIO DI SALA 2022 by Intrecci – Alta Formazione di Sala, assegnato a Matteo Zappile del ristorante il Pagliaccio, Roma
  • PREMIO MICHELIN CHEF MENTORE 2022 by Blancpain, assegnato a Nadia Santini, ristorante dal Pescatore, Canneto sull’Oglio (MN)
  • PREMIO MICHELIN SOMMELIER 2022 by Consorzio del Vino Brunello di Montalcino, assegnato a Sonia Egger, ristorante Kupperlain, Castelbello (BZ).

La app, il sito della Guida MICHELIN e la novità hotel

La Guida Michelin non è solo cartacea. Tutti i ristoranti della Guida MICHELIN Italia si trovano anche nella app Michelin Ristoranti, scaricabile gratuitamente per iOS e Android.

Il sito www.guide.michelin.com/it è ricco d’informazioni, funziona come motore di ricerca della Guida Michelin Italia e permette di scegliere facilmente il ristorante secondo gusti, occasioni, budget.

Ad ogni ristorante corrisponde una descrizione dettagliata ed il sito contiene inoltre una sezione editoriale in cui si trovano ristoranti, novità in anteprima e suggestivi itinerari segnalati dagli ispettori.

Hotel

Da quest’anno, la selezione della Guida MICHELIN dedicata agli hotel sarà disponibile in formato digitale, sul sito e sull’App. Una selezione che verrà costantemente aggiornata e potrà essere consultata, prenotata e condivisa su entrambe le piattaforme digitali.

Oggi, la Guida MICHELIN stabilisce un nuovo standard per la selezione degli hotel.

Gli hotel raccomandati sulle piattaforme digitali della Guida MICHELIN, sono selezionati con i medesimi elevati standard dei ristoranti, al fine di mantenere la stessa promessa: ambire all’eccellenza e promuovere l’unicità. Tuttavia, sebbene le selezioni della Guida MICHELIN dedicate ad hotel e ristoranti condividano gli stessi esatti valori, i ristoranti sono selezionati da anonimi ispettori della Guida MICHELIN, mentre la selezione degli hotel è creata dal team di Tablet Hotels – esperti di hotellerie della Guida MICHELIN dal 2018 – e dalla sua comunità di viaggiatori.

La selezione hotel della Guida MICHELIN è un’impresa collaborativa alla quale partecipa tutta la community, composta da ospiti verificati che hanno prenotato il soggiorno attraverso Tablet. Essi possono validare gli indirizzi e condividere le proprie impressioni. Qualunque hotel con valutazione inferiore al soddisfacente, sarà ulteriormente esaminato in modo d’assicurare che le raccomandazioni delle Guide MICHELIN, siano sempre degne di fiducia.

La selezione digitale degli hotel della Guida MICHELIN permette ai viaggiatori di beneficiare dalla migliore piattaforma di prenotazioni sviluppata da Tablet.

La Guida MICHELIN

La Guida Michelin nasce in Francia nel 1900. Era una piccola guida che avevano voluto i fratelli Édouard e André Michelin, i fondatori della Michelin, per aiutare le poche migliaia di automobilisti francesi alle prese con un viaggio che, allora, era spesso avventuroso. Conteneva informazioni pratiche (dove fare rifornimento, dove trovare un’officina, dove cambiare i pneumatici) e indicazioni su dove mangiare e dormire. In Italia, la prima Guida Michelin è del 1956.

La Guida Michelin nasce quindi come aiuto per chi viaggia, come ogni prodotto (pneumatici, carte e guide) Michelin, e continua ad esserlo.

I rigorosi criteri di selezione, applicati in modo omogeneo in 30 Paesi, rendono la Guida Michelin un riferimento nel campo della ristorazione. Gli ispettori Michelin operano in modo anonimo seguendo una consolidata metodologia in tutto il mondo e pagano il conto al ristorante, valutando esclusivamente la qualità della cucina in base a cinque criteri definiti da Michelin: qualità dei prodotti, gusto e abilità nella preparazione dei piatti e nella combinazione dei sapori, cucina rivelatrice della personalità dello chef, rapporto qualità/prezzo e continuità nel tempo e nel menu. Questi criteri sono rispettati dagli ispettori Michelin in Italia, come in Giappone o in Cina e negli Stati Uniti. Ne consegue che la qualità di un ristorante tre stelle è la stessa a Firenze e a New York, così come dev’essere equiparabile la qualità di un ristorante una stella a Napoli e a Londra.

Continua a leggere

Brands, Events and People

I parrucchieri sentinelle contro la violenza sulle donne grazie al progetto di Inebrya

Pubblicato

il

Inebrya contro la violenza sulle donne

Il brand Inebrya, portavoce internazionale della ricerca Hair care Made in Italy che si rivolge con le sue linee di prodotto ad una donna sofisticata, sensuale capace di giocare con la sua femminilità, continua a schierarsi in prima linea nella battaglia contro la violenza sulle donne lanciando la seconda fase del progetto Beauty W/O Fear a supporto e in collaborazione di Casa Viola del Gruppo Polis.

Il progetto, rappresentato graficamente con W/O rimanda all’aspirazione di un mondo WithOut Fear ma evoca anche il concetto di “Women against Offence”. Proprio in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, Inebrya entra nella seconda fase più concreta del progetto affiancando i professionisti dei Saloni che hanno aderito al progetto e che sono così diventati delle sentinelle, capaci cioè di riconoscere i segnali, spesso invisibili della violenza e facendosi promotori del concetto di bellezza in sicurezza.

I parrucchieri, infatti, attraverso le loro capacità di relazionarsi e grazie alla loro sensibilità possono creare consapevolezza in migliaia di donne: in questa seconda fase gli acconciatori omaggeranno alle proprie clienti delle bustine di trattamento con il messaggio “TAKE CARE & DISCOVER” che le invita a scansionare un QRcode che le condurrà sulla landing page del progetto Beauty W/O fear dedicata alle Donne (https://beautywofear.inebrya.it/): attraverso cinque brevi video avranno modo di ascoltare le proprie emozioni, riflettere sulla propria vita di coppia, scoprire le sfaccettature della violenza, riconoscerne le conseguenze fino a capire che “uscire dalla violenza si può”, contattando il numero nazionale antiviolenza.

Gli acconciatori omaggeranno alle proprie clienti delle bustine di trattamento con il messaggio “TAKE CARE & DISCOVER” che le invita a scansionare un QRcode che le condurrà sulla landing page del progetto Beauty W/O fear dedicata alle Donne

Inebrya ha tradotto in ben 8 lingue la landing page a dimostrazione dell’ampio respiro internazionale dell’iniziativa, che coinvolge i 60 paesi al mondo in cui il brand è distribuito, personalizzando il protocollo con il numero nazionale antiviolenza del proprio Stato e rendendolo così uno strumento efficace di aiuto concreto per chiunque.

Guarda la selezione di prodotti per a cura dei capelli INEBRYA su Amazon.it a prezzi scontati.

Cliccando qui accedi ad una vasta selezione di prodotti specifici per la cura dei capelli INEBRYA a prezzi vantaggiosi

inebrya.it

Continua a leggere

Brands, Events and People

Jennifer Lopez indossa Michael Kors per le prove dell’American Music Awards 2021

Pubblicato

il

Jennifer Lopez, per le prove dell’American Music Awards 2021 a Los Angeles, CA. , ha indossato un caban in lana double face color cammello e una gonna a tubino con un maglione asimmetrico in cashmere, tutto della collezione Michael Kors Autunno/Inverno 2021.

Guarda la selezione di accessori Michael Kors su Amazon.it a prezzi scontati

Per dare un’occhiata alla selezione di accessori Michael Kors e approfittare dei vantaggiosi prezzi Amazon clicca qui

https://www.michaelkors.it

Continua a leggere
Pubblicità

Lascia il tuo “Mi Piace”

Di Tendenza