Connect with us

Moda Donna Collezione Autunno-Inverno 2023-2024

MFW, storie di donne sulla passarella di Martino Midali FW 2023-24

Pubblicato

il

Martino Midali FW23-24

Un racconto tutto al femminile per la passerella di Martino Midali dedicata al prossimo FW 23 e che diventa l’occasione per celebrare il 40mo anniversario di un brand che, da sempre, ha fatto della moda democratica, inclusiva e versatile il cuore della sua cifra stilistica.

Martino Midali FW23-24
Martino Midali FW23-24

Per l’occasione sulla passerella del Circolo Filologico sono salite, accanto alle modelle, 6 donne reali, diverse per carattere, stile e occupazione, che hanno scelto il brand per vestire il loro quotidiano con creazioni pensate per esaltare tutti i corpi femminili, un concetto che da sempre accompagna il lavoro del designer, uno dei primi a ideare una moda davvero per le donne. A conclusione della sfilata, un omaggio musicale cantato dalla soprano d’arti Silvia Colombini, artista poliedrica di fama internazionale che, con il suo canto, ha omaggiato tutte le donne.

Martino Midali FW23-24
Martino Midali FW23-24

Nella collezione della prossima stagione è racchiusa una storia che ha il sapore della libertà – di proporzioni, di forme, di movimento – in cui il layering diventa il mantra stilistico per scoprire le suggestioni etniche che, dal Marocco all’India, danno vita all’anima dei capi, tra lunghi abiti effetto tunica e outfit multistrato. Il tricot diventa protagonista di creazioni architettoniche scritte da intrecci di filati che disegnano le forme fluide care al brand tra potenti sfumature cromatiche e contrasti materici, tra capispalla strutturati in dialogo con lunghissime scarf, in un’esplorazione continua di materiali e colori.

Un incontro di suggestioni interpretato anche dalle storie diverse di quelle donne vere che si ritrovano nella versatile femminilità del brand e che hanno deciso, letteralmente, di indossarla nel corso della sua sfilata.

Perché le donne che vestono Midali non indossano un mio capo ma lo interpretano”. Una filosofia che guida i passi di Marina Malanca, giornalista ed ex modella, una passione per la libertà soprattutto nelle forme, di Gegia Celotti, giornalista e scrittrice che non prescinde dall’oversize, di Angela del Re, ex ballerina stregata dalla fluidità degli abiti simile a quella dei corpi danzanti. E ancora tra le prime donne che ha sfidato la supremazia maschile in finanza Bruna Annibaldi che ha fatto dei look ricercati ma confortevoli i suoi alleati, di Carmen Vierchowod, una vita dedicata alla famiglia sempre impreziosita da un mood raffinato, di Gloria Fossati, country manager di un’azienda di integratori la cui energia pura si ritrova in creazioni originali e pratiche.

Sulla passerella è salita Silvia Colombini, artista che accosta il canto lirico ad altre espressioni artistiche con performance totalizzanti e che ha dato voce, in questa occasione, alla dignità femminile in un tributo musicale inedito che ha unito ebbrezza, passione, bellezza, sogno e femminilità dedicato alle donne e, in particolare, alle splendide donne di Midali. Ad accompagnare i look sono i preziosi manufatti della designer Barbara Cardamone, accessori unici che uniscono pietre e materiali di recupero raccolti dai viaggi, perfetti testimoni di una femminilità consapevole del presente ma affascinata dal passato.

La Collezione FW 23-24

Shapes of freedom. Libere proporzioni di stile a giocare sulle forme, sulle sovrapposizioni, sul movimento. La decisa legge del layering è il mantra stilistico della collezione FW 23 di Martino Midali che esplora un universo in cui le texture, maglieria in primis, diventano la voce narrante da seguire.

Martino Midali FW23-24
Martino Midali FW23-24

Sono suggestioni di stampo etnico a dare inizio al racconto unendo quei sapori di culture diverse che, dal Marocco all’India, diventano l’anima dei capi. Sono i lunghi abiti effetto tunica; sono gli outfit multistrato; sono le maglie à tricot; sono le potenti sfumature cromatiche – dei verdi e dei viola su tutti – a indicare la strada.

La contaminazione si fa viaggio combinando tessuti diversi o, più semplicemente, i colori. Ed è il tricot a essere protagonista con la sua architettura di creazioni in lana scritta da filati che si intersecano, da trame che avvolgono, da intrecci che vestono e rivestono senza soluzione di continuità.

Martino Midali FW23-24
Martino Midali FW23-24

I fili mixati disegnano i volumi e le forme fluide cari al brand in un alternarsi di maglie, di giacche, di capispalla strutturati accompagnati da pantaloni e gonne morbide. I cappotti in lana spettinata sono in dialogo con lunghissime scarf super-avvolgenti che regalano dinamismo; e ancora cappucci che spuntano su silhouette e spazio per la velata delicatezza dello chiffon nei due pezzi impalpabili insieme a un flash in nobile- e cangiante- velluto.

E sono sempre i filati lavorati multipli a impadronirsi di una palette cromatica che sfumano fino ad animarla tra le fascinazioni per le tinte più forti e i toni classici del nero, del grigio, del marron e del bruciato.

martinomidali.com

Di Tendenza

Verified by MonsterInsights