Connect with us

Manifestazioni, Fiere, Saloni, Festival, Eventi

“Concorso Italiano” si conferma simbolo mondiale della passione per il Made in Italy

Pubblicato

il

Concorso Italiano vincitrice Lamborghini Miura del 1967 di Michael e Toni Weinreb
Pubblicità

Grande successo di pubblico per l’edizione 2023 di “Concorso Italiano”, tenutasi al Bayonet Black Horse Golf Course a Seaside, fiore all’occhiello della Monterey Car Week svoltasi in California. Assegnato alla Lamborghini Miura del 1967 di Michael e Toni Weinreb il prestigioso riconoscimento Best in Show Award. Premio alla carriera per Monica Zanetti di Belle Epoque, Beppe Gianoglio di Automotoretrò e all’ex pilota Dominic Dobson. Celebrati storia, design, creatività e innovazione del nostro Paese. Stuart Brooke con la Lamborghini 350 GT del 1965 il vincitore del Valentino Balboni Award.

Tanti i momenti dedicati agli anniversari, tra cui il 60° di Lamborghini, Maserati Quattroporte e Autodelta, il 70° di Lancia Appia e i 100 anni del Quadrifoglio di Alfa Romeo. Presenza esclusiva della Bizzarrini 5300 GT Corsa Revival.

L’edizione 2023 di Concorso Italiano è stata una manifestazione corposa innervata di premi e importanti anniversari. Una grande festa dove collezionisti, appassionati, pubblico e addetti ai lavori si sono incontrati per lustrarsi gli occhi con l’infinita meraviglia che l’auto italiana da sempre è in grado di
sprigionare.

Pubblicità

Anche quest’anno Concorso Italiano ha fatto spazio ai grandi volti rappresentativi dell’automotive come Wayne Carini, Steve e Molly Saleen, Dominic Dobson, Monica Zanetti, Pietro Corradini, Valentino Balboni, oltre a ospitare premiazioni come il prestigioso Best in Show Award, ideato dal celebre car designer Roberto Giolito e realizzato con la sapiente collaborazione dell’artista italiano Donato Donno, vinto dai californiani Michael e Toni Weinber con la Lamborghini Miura del 1967.

Concorso Italiano vincitrice Lamborghini Miura del 1967 di Michael e Toni Weinreb
Concorso Italiano 2023: assegnato alla Lamborghini Miura del 1967 di Michael e Toni Weinreb il prestigioso riconoscimento “Best in Show Award”

L’evento è stato un grande palcoscenico in cui le auto hanno sfilato per essere ammirate e celebrate, con un occhio al passato e alla riscoperta di grandi classici riproposti in chiave moderna come la Bizzarrini 5300 GT Corsa Revival. Bizzarrini, importante capitolo delle auto sportive italiane, fondata nel 1964 dal pilota, ingegnere e innovatore Giotto Bizzarrini, un genio dell’ingegneria che ha lavorato a fianco dell’altrettanto leggendario designer Giorgetto Giugiaro, che il 7 agosto scorso ha festeggiato l’85° compleanno. Nel 2019 l’azienda è stata acquisita dalla britannica Pegasus Brand. Ogni auto che porta il nome Bizzarrini rappresenta una rara combinazione di arte e innovazione. Utilizzando disegni ingegneristici originali, queste qualità sono incarnate nella serie Revival con solo 24 riproduzioni limitate e autentiche prodotte della 5300 GT Corsa vincitrice a Le Mans nel 1965. Utilizzando disegni originali, molti dello stesso Giotto, e scansioni 3D dei modelli di auto esistenti, Bizzarrini ha creato il modello di continuazione più autentico per celebrarne la famosa vittoria. La serie Revival, presentata a Concorso dal Chief Marketing Officer Simon Busby, ha un motore V8 da 5,3 litri di origine GM, capace di 400 CV, e vanta un peso di soli 1.200 kg.

La giornata di Concorso Italiano 2023 è stata un’adunata di pietre miliari che hanno celebrato i loro importanti traguardi: 60 anni di Lamborghini, Maserati Quattroporte e della divisione Autodelta; 70 anni di Lancia Appia e 100 anni dall’uscita della prima Alfa Romeo che recava l’iconico emblema del Quadrifoglio. Oltre alla Fiat X1/9, la piccola ed eccentrica sportiva torinese dal tettuccio asportabile che nacque dalla matita di Marcello Gandini e che grazie al peso ridotto e al motore centrale offriva dinamiche di guida da vera supercar, e la Maserati Merak, la sportiva 2+2 del Tridente stilizzata da Giorgetto Giugiaro; come la sorella maggiore Bora, vantava soluzioni idrauliche di derivazione Citroën come servofreno e fari a scomparsa.

Un’esposizione speciale è stata dedicata alla Citroën SM e alla sua particolare storia. L’ammiraglia-coupé, disegnata da Robert Opron, era spinta da un generoso V6 Maserati che le consentiva di viaggiare a 200 km/h in tutta comodità anche per lunghe tratte. Presentata nel 1970 al Salone di Ginevra, nell’arco di cinque anni ne furono costruite quasi 13.000 e di queste, si superarono di poco le duemila unità vendute in Italia, mentre le altre furono acquistate in Europa, Asia, Medio Oriente e Africa; uscì di produzione
nel 1975.

I riconoscimenti 2023 consegnati: La Bella Macchina Award 2023, quest’anno assegnato a Monica Zanetti, Beppe Gianoglio e Dominic Dobson, tutti protagonisti della Hall of Fame 2023.

Monica Zanetti, conosciuta come anche “Lady F40”, ha fatto la storia nell’industria automobilistica come la prima donna meccanico a unirsi al team Ferrari. Non solo è stata la prima, ma è anche stata l’unica donna tra i quattro meccanici che hanno avuto l’onore di occuparsi personalmente della leggendaria Ferrari F40, nello specifico i primi 300 esemplari. Il suo contributo pionieristico ha aperto nuove strade nel mondo delle automobili, e continua tutt’oggi con il suo lavoro presso la Scuderia Belle Epoque. Officina di restauro e manutenzione di auto d’epoca e di Formula 1 a pochi chilometri dalla sede Ferrari di Maranello.

Grazie ai suoi meccanici storici di Formula 1, la Scuderia Belle Epoque riporta in pista le vetture del passato e dona loro una seconda vita. Nel suo team, Belle Epoque vanta anche Pietro Corradini, storico meccanico di Ferrari, alla quale approda nel 1970. Corradini ha partecipato a numerosi campionati con la Ferrari F1 e Sport Prototipi, al fianco di piloti come Gilles Villeneuve, Niki Lauda, Jody Scheckter, e nel 1988 finisce la sua esperienza in F1 con Gerhard Berger. Negli anni a seguire lavora nel reparto “esperienze produzione”, collaborando alla realizzazione di F40, F50 e 550, e, più recentemente, ha lavorato con Barron Racing di John Bosch nell’American Le Mans Series, con la Ferrari 575LM.

Oggi Pietro è coordinatore tecnico di Scuderia Belle Epoque. Insieme a loro ha partecipato a Concorso Italiano anche il pittore Alessandro Rasponi, con una serie di quadri dipinti in diretta durante l’evento. Le sue opere sono esposte al Museo Ferrari di Maranello e al Museo Ferruccio Lamborghini. Tra gli altri, Charles Leclerc (pilota F1), Sergio Scaglietti (designer automobilistico), Gregorio Paltrinieri (nuotatore olimpico), Nicoletta Mantovani (vedova di Luciano Pavarotti), Joanna Villeneuve (vedova di Gilles Villeneuve) e Piero Ferrari (Scuderia Ferrari) vantano alcune delle sue opere nelle loro collezioni private.

Beppe Gianoglio è stato insignito del prestigioso riconoscimento come premio per la longevità e il successo dell’evento da lui creato: Automotoretrò, il grande Salone torinese dedicato al motorismo storico, da quest’anno nella nuova sede di Parma, che festeggia 40 anni. Dal 1983 propone una selezione dei migliori gioielli del passato a due e quattro ruote, promuovendo il collezionismo privato e la diffusione della cultura motoristica.

La manifestazione è arrivata ad avere oltre 1.200 espositori e più di 73.000 visitatori, provenienti da tutta Europa, con una consolidata presenza da Francia, Svizzera, Regno Unito, Spagna, Germania, Austria e Olanda. L’intento degli organizzatori è da sempre quello di condividere la propria passione con il numeroso pubblico, incentivando il collezionismo privato e la diffusione della cultura motoristica. Motivato dal desiderio di creare una piattaforma che accendesse in altri lo stesso entusiasmo per le auto d’epoca, Gianoglio ha fondato “Automotoretrò” a Torino. L’evento è nato su scala modesta, ma sotto la sua guida visionaria è cresciuto costantemente anno dopo anno.

Con il suo occhio attento ai dettagli e un impegno inflessibile per la qualità, ha curato un’esposizione che ha messo in mostra le migliori collezioni di auto d’epoca, catturando l’essenza del ricco patrimonio automobilistico italiano. “Automotoretrò” è diventata una capsula del tempo che ha trasportato i visitatori in un’epoca passata, dove l’artigianato e la maestria regnavano sovrani. Al di là della mostra in sé, Beppe Gianoglio ha riconosciuto l’importanza di promuovere la conoscenza e la comprensione tra i partecipanti. Ha dato vita a laboratori didattici, tavole rotonde e seminari, riunendo esperti e appassionati per condividere le loro competenze e intuizioni. Beppe credeva fermamente che per coltivare un più profondo apprezzamento per le auto d’epoca fosse necessario, non solo metterle in mostra, ma anche trasmettere conoscenze e incoraggiare il dialogo. L’impatto duraturo di Gianoglio sulla comunità automobilistica e il suo impegno nel preservare la storia dell’automobile continueranno a ispirare generazioni di appassionati per gli anni a venire.

Valentino Balboni Award 2023, l’opera dal titolo “Valentino e la sua passione” realizzata da Valentina Fiorillo, giovane artista carpigiana, ritrae il celebre collaudatore con la tecnica del realismo emotivo. Valentino Balboni ha commentato: “La vitalità che emerge dal ritratto fatto da Valentina Fiorillo è straordinaria. Sono rimasto meravigliato e dico sinceramente che avrei voluto tenermelo io. Spero che al vincitore piacerà come piace a me”. Valentino Balboni, ospite fisso del Concorso Italiano, ha scelto come sua preferita e degna del premio che porta il suo nome la Lamborghini 350 GT del 1965 di Stuart Brooke (Revesby, Australia).

Doug Magnon Preservation Award, il premio è stato consegnato alla Ferrari 355 del 1997 di Kevin Enderby da Adolfo Orsi.

Best of Marque – Primi classificati:
● Lamborghini Miura P400 del 1967 – Michael e Toni Weinreb – Malibu (CA)
● De Tomaso Pantera Si del 1992 – Dave Kanahele – Redondo Beach (CA)
● Bertone X1/9 del 1988 – Bruce Wanta – Bellevue (WA)
● Maserati Bora del 1973 – Emile Dell’Aquila – Santa Cruz (CA)
● Cisitalia 202 Sport del 1997 – Pilibos – Fresno (CA)
● Aprilia RSV4 Factory del 2020 – Daniel Starner – Sunnyvale (CA)
● Lancia Flavia Pininfarina Coupè del 1965 – Dan Ritter – Redondo Beach (CA)

● Ferrari 250 GT Lusso del 1963 – Hoffman Hibbett – San Jose (CA)
● Alfa Romeo Sprint Veloce del 1957 – John Pat Carapiet – Belvedere (CA)
● Iso Rivolta GT del 1965 – Buddy Pepp – Beverly Hills (CA)

Per ulteriori dettagli ed informazioni sull’evento, visitare: https://concorso.com/

Qualcosa in più su Concorso Italiano

Concorso Italiano® è l’evento nato a metà degli anni Ottanta a Monterey in California che riunisce numerosi e prestigiosi brand dell’automotive tricolore, che espongono le loro vetture classiche e stradali, valorizzando il dialogo creativo tra prodotto e passione davanti all’esigente pubblico americano, sulle verdi colline prospicienti l’oceano Pacifico del Bayonet Black Horse Golf Course, nel cuore della vetrina più lussuosa e nota del settore nel suo genere, la Monterey Car Week. L’evento si fonda sulla passione per le auto italiane e l’Italia ed è occasione di incontri e discussioni con personalità del motorismo internazionale, con i quali condividere l’amore per il nostro Paese.

Concorso Italiano raccoglie in sé tutti gli elementi culturali del Made in Italy, tra cui musica, cucina, moda, viaggi e ovviamente automobili. Dal 2009 è diretto da Tom McDowell, imprenditore americano da sempre appassionato di motori e dal 2016 Raffaello Porro, CEO di StudioRPR, è co-organizzatore e ambasciatore in Italia dell’evento. La kermesse raduna ogni anno, ad agosto, oltre 1.000 auto italiane da collezione sul green del Bayonet Black Horse Golf Course di Seaside: oltre 5 mila metri quadrati di superficie espositiva, dove supercar, concept-car, one-off, serie limitatissime di oggi e di ieri vengono esposte fianco a fianco, sfilano e concorrono per essere premiate da una selezionata giuria. Una giornata dove si respira la vera passione tricolore a 360°, passione motoristica, ovviamente, ma non solo, tutta da condividere. Infatti, questo evento non riguarda solo le auto ma anche le persone e le loro storie legate al mondo automotive a quattro e due ruote. Negli anni si è contraddistinto per avere un respiro sempre più internazionale e gli appassionati che vi partecipano provengono da tutto il mondo. L’80% sono imprenditori o professionisti e il 70% si trova nella fascia di reddito più alta. Concorso Italiano® è anche uno dei maggiori contributori di molte organizzazioni benefiche locali, nazionali e internazionali. Concorso sostiene anche Habitat for Humanity.

concorso.com

Pubblicità

Di Tendenza