Connect with us

Brands, Events and People

Fashion Week: Il pop-up 5WAY Concept Store porta a Milano 50 designer

Pubblicato

il

Che ormai le Fashion Week sparse per il mondo non rappresentino più occasione di ricerca ed acquisto soltanto per i buyer ma anche per i consumatori è un dato di fatto. Lo testimoniano i pop-up shop che accompagnano da qualche stagione le sfilate da New York a Shangai.

5WAY Concept Store porterà a Milano 50 giovani designer indipendenti da far conoscere al pubblico

Una vera e propria rivoluzione che non riguarda solo le grandi griffe ma anche i brand indipendenti. Come quelli proposti dal pop-up concept store 5WAY: un negozio di ricerca e sperimentazione di oltre 200mq, 2 piani e 14 vetrine su strada che per 10 giorni, dal 13 al 22 settembre 2019
via Medici 2 (Largo Carrobbio), metterà in connessione 50 designer indipendenti con il pubblico di trendsetter della Milano Fashion Week

Australia, Asia, Europa, Sud America e Nord America sono i Paesi di provenienza dei brand accuratamente selezionati secondo criteri di contemporaneità, innovazione e sostenibilità, che in occasione della settimana della moda arriveranno a Milano non sulle passerelle ma in un concept store che, oltre alla vendita, promuove un ricco calendario di workshop, eventi e momenti di relaxaperto a tutti e parallelo ai grandi eventi della moda, permettendo di conoscere personalmente gli stessi designer e di interagire con i loro prodotti.

I protagonisti

Fashion Week Il pop-up 5WAY Concept Store porta a Milano 50 designer Nicoline_Hansen
Una creazione della giovane stilista danese Nicoline_Hansen

Tra i nomi internazionali già confermati; il promettente stilista newyorkese di moda etica Corban Harper, la giovane promessa danese Nicoline Hansen nota per le sue creazioni di latex in gomma naturale e la stilista australiana Chloe Mottau già famosa sulle passerelle di Sydney. Non mancano anche rappresentati dell’Italia, come il marchio Alcoolique di Rocco Adriano Galluccio che interpreta in chiave moderna la tradizione sartoriale napoletana. Non solo giovani brand, ma anche importanti player retail come l’e-commerce di moda sostenibile Aequem el’innovativo collettivo berlinese AA Collected che raccoglie 13 designer locali.

Fashion Week Il pop-up 5WAY Concept Store porta a Milano 50 designer Alcoolique
Una creazione del brand italiano Alcoolique

Non solo moda

A completare la shopping experience ci sarà anche un pop-up bar in partnership con la craft beer italiana Vetra Birre e un’area dedicata al relax e ai massaggi shiatsu realizzata in collaborazione col team di Holis Factory. L’arredo dello store ospiterà inoltre alcuni mobili in cartone del marchio di design eco-compatibile Sekkei, in linea con l’attenzione alla sostenibilità dell’intero progetto.

_Link:
https://www.rrlab.it/

_Designer:
https://www.corbanharper.com/
https://nicolinehansen.com/
https://www.chloemottau.com/
http://www.alcoolique.it/
https://aequem.com/
https://aa-collected.com/


Brands, Events and People

Carlo Pignatelli protagonista dello Special Event per Save The Children alla Barcelona Bridal Fashion Week

Pubblicato

il

abiti da sposo Carlo Pignatelli for Pronovias Bridal

Una ripartenza sospirata, attesa e finalmente reale è quella celebrata dallo speciale happening “The new Beginning” voluto dalla Barcelona Bridal Fashion Week, una delle principali kermesse dedicate al wedding, un’anticipazione di quella che sarà la prossima edizione del 2022. Una giornata, quella dello scorso 14 ottobre, che ha visto tra i partecipanti Carlo Pignatelli, da sempre ospite della manifestazione e che si è recentemente distinto per il suo impegno attivo nel promuovere il ritorno alla normalità anche per il segmento wedding, tra i più colpiti dalla pandemia.

La maison, unica firma italiana di abiti per lo sposo presente alla kermesse, ha preso parte alla sfilata serale svelando alcuni tra i look delle sue nuove collezioni Cerimonia e Carlo Pignatelli for Pronovias, capaci entrambe di sublimare le caratteristiche identitarie e fortemente riconoscibili che lo contraddistinguono. Raffinatezza ed eleganza in dialogo serrato con un’estetica leggera e sartoriale hanno caratterizzato la proposta Cerimonia, graffiata da un’ispirazione di stampo orientale ravvisabile nel rigore essenziale sdrammatizzato da cromie pastello e intrecci di fantasie. Una collezione che ha visto due testimonial d’eccezione sfilare in passerella, il karateka italiano Luigi Busà, vincitore della medaglia d’oro a Tokyo 2020
nel karaté, e il giovanissimo Simone Berlini.

Una preziosa anticipazione della Carlo Pignatelli for Pronovias, la nuova partnership della maison con il luxury brand Pronovias, si è avuta con la selezione di capi dai dettagli accattivanti dedicata a uno sposo moderno, esigente ma al contempo romantico, interpretata sul catwalk dall’imprenditore Andrea Dal Corso.

E non è tutto. La mano sartoriale di Carlo Pignatelli ha firmato anche il look del presentatore della kermesse, il celebre modello madrileno Javier de Miguel, che ha trovato nelle creazioni della maison la sublimazione perfetta di un’eleganza di stampo mediterraneo a lui affine.
Un impegno che la Carlo Pignatelli ha prodigato senza riserve nei confronti dell’evento non solo per il legame che lega la maison alla Barcelona Bridal Fashion Week ma anche per supportare la raccolta fondi a favore di Save The Children per sostenere il progetto che si occupa di combattere la consuetudine in alcuni paesi ancora largamente accettata, dei matrimoni precoci.

https://www.carlopignatelli.com

https://barcelonabridalweek.com/fashion-shows

Continua a leggere

Brands, Events and People

La compagnia Peeping Tom porta il surrealismo de La Visita a Reggio Emilia. Con il sostegno di Max Mara

Pubblicato

il

La visita Peeping Tom I teatri Reggio Emilia

La Visita, progetto site specific di Peeping Tom, compagnia belga di teatro danza, fondata da Gabriela Carrizo e da Franck Chartier, commissionato e prodotto da Fondazione I Teatri in collaborazione con Collezione Maramotti e sostenuto da Max Mara, debutta giovedì 4 novembre 2021 alle ore 20.30 alla Collezione Maramotti di Reggio Emilia. Presentata nell’ambito del Festival Aperto, la performance sarà replicata venerdì 5 novembre, ore 20.30, sabato 6 novembre, ore 16.00 e ore 19.00, domenica 7 novembre, ore 16.00.

La Visita è il progetto vincitore del Fedora – Van Cleef & Arpels Prize for Ballet 2021, che
sostiene le eccellenze nelle nuove produzioni di danza in ambito internazionale.
La giuria è stata colpita dall’alta qualità de ‘La Visita’ e dal suo approccio unico nel coinvolgere le comunità locali rompendo i confini tra le diverse forme d’arte” ha affermato Nicholas Payne, Direttore di Opera Europa e Presidente della Giuria del Premio Fedora – Van Cleef & Arpels for Ballet 2021.

Da lungo tempo, i musei e le gallerie d’arte trovano posto nel lavoro surreale e perturbante di
Peeping Tom: la performance Moeder (2016) era ambientata in uno spazio che era contemporaneamente un reparto maternità, una camera ardente, uno studio di registrazione e una galleria d’arte, come se la vita fosse esposta alla vista di tutti.

Per gli spazi della Collezione Maramotti la coreografa Gabriela Carrizo si muove in direzione
contraria e porta la teatralità di Peeping Tom all’interno di una raccolta d’arte contemporanea.

I protagonisti di La Visita – tra cui anche figure proprie della Collezione, come gli addetti alla
sorveglianza e alle pulizie – si muovono nello spazio espositivo ed entrano in relazione con le opere, e allo stesso tempo le opere sembrano prendere vita insieme ai personaggi che le abitano. Gradualmente lo spettatore viene condotto in un mondo parallelo in cui il museo, luogo preposto alla conservazione nel tempo, si confronta con l’effimero e il transitorio. Lo spettatore deve accettare la provocazione e la sfida con se stesso cercando di discernere il reale dal fittizio, l’arte dalla quotidianità.

«Quando mia madre, che era una pittrice – amava dipingere – è venuta a mancare, abbiamo deciso con le mie sorelle che i suoi quadri l’avrebbero accompagnata nella cerimonia di commiato. In quel momento ci siamo accorte di come cambi la percezione, di come lo sguardo si trasformi e abbiamo notato che questi dipinti contenevano improvvisamente altri colori, o come le forme e le figure in essi acquisissero altri significati o ci mostrassero qualcosa che prima non avevamo percepito, quando brillavano alle pareti della casa di mia madre, che era piena di gioia. È stata l’ispirazione per Moeder. In questo progetto, intitolato La Visita, nasce ora l’idea di portare i personaggi che sono passati attraverso Moeder o anche attraverso altre opere di Peeping Tom, in un nuovo contesto. È come trasferirli in una nuova casa con le loro storie e ricordi, far loro vivere altre vite. Quei personaggi che per molto tempo – a causa della pandemia – sono rimasti in silenzio, fermi o addormentati, ma che rimangono latenti. La guardia, sua moglie (la guida della mostra) e le donne delle pulizie. Sono personaggi chiave di un museo, silenziosi in un certo senso, al servizio del luogo e dei visitatori, ma anche fantasmi in incognito di cui assistiamo ai loro intimi impulsi. Le opere d’arte che vengono esposte sono, anche loro, testimoni più o meno silenziosi. Sentiamo i loro commenti o lamenti e tutto ci immerge in uno spazio nuovo, come se fossimo testimoni di opere, nuove tracce di vita».
(Gabriela Carrizo)

Peeping Tom, negli stessi giorni (6 novembre ore 20.30 e 7 novembre ore 18.00), sarà al Teatro
Municipale Valli, sempre nell’ambito del Festival Aperto con un altro tra i maggiori lavori della
compagnia belga, Tryptich: The missing door, The lost room, The hidden floor, una trilogia costruita come un montaggio cinematografico dal vivo, in cui Carrizo e Chartier indagano il mondo interiore dei personaggi per creare un universo chiuso e disturbante.

Lo spettacolo sarà accessibile anche alle persone non vedenti, grazie all’audiointroduzione e
audiodescrizione, a cura di WordUp Team. Il Festival Aperto, infatti, con Oriente Occiodente e
Torinodanza, aderisce a Europe Beyond Access, dedicato ad accessibilità e inclusione nelle arti
performative, sostenuto da Creative Europe, con Associazione Fedora.

Biglietti in vendita sul sito www.iteatri.re.it e presso la biglietteria del Teatro Municipale Valli (giorni e orari di apertura sul sito www.iteatri.re.it). Eventuali biglietti disponibili saranno messi in vendita presso la Collezione Maramotti, a partire da un’ora prima dello spettacolo.
L’accesso alla Collezione Maramotti è consentito solo con green pass e documento di identità in corso di validità.

peepingtom.be/en/production/la-visita-working-title

https://it.maxmara.com

iteatri.re.it

Continua a leggere

Brands, Events and People

La cantante milanese Jasley vince il talent IS ME – Music Edition ’21 ideato da AW LAB

Pubblicato

il

https://www.aw-lab.com/

Jasmin Leila Yakub, in arte Jasley, è la vincitrice dell’edizione 2021 di IS ME – Music Edition, il talent show ideato da AW LAB. Palco d’eccezione PLUG-Mi, il format di Fandango Club Creators legato alla urban culture experience e nato in collaborazione con Fiera Milano e Micam Milano, che unisce i mondi dello streetwear, dell’arte e della musica con l’obiettivo di dare voce alla creatività e al talento delle nuove generazioni.

https://www.aw-lab.com/

Cantante milanese di 22 anni, origini somale, Jasley ama raccontare le sue origini attraverso
la sua musica. Con il singolo “Una sdraio per me” ha vinto anche il Premio Speciale della Giuria, prima a fare en plein di riconoscimenti nella storia del talent.

Vedremo la sua prima live performance con la canzone vincitrice durante la prossima edizione di Milan Games Week, prevista dal 12 al 14 novembre presso Fiera Milano Rho. Ma non solo, Jasley parteciperà all’edizione 2022 del festival SOLE DXB di Dubai e sarà anche la protagonista d’eccezione delle immagini della prossima campagna AW LAB.

È stata un’esperienza incredibile, inizialmente non mi aspettavo di vincere, sono entrata nel
programma con tante insicurezze e un grande bisogno di dimostrare, sia a me che agli altri,
che potevo farcela, che quello era il mio posto. “Una sdraio per me” è un brano intimo, racchiude le emozioni e le sensazioni che si possono provare quando si è di ritorno da un
posto che ti ha segnato, verso la vita di tutti i giorni. Vorrei ringraziare Maky per aver collaborato con me alla creazione di “Una sdraio per me” e naturalmente AW LAB e PLUG-
Mi per avermi dato questa opportunità! Ora mi sento piena di energia e pronta per questo nuovo inizio!
” ha dichiarato Jasley dopo la vittoria,

IS ME – Music Edition si rivela ancora una volta uno dei più grandi talent di sempre. Trasmesso per la prima volta in televisione grazie a MTV e on deman sui canali social di
MTV (Youtube e Instagram) e su Sky Go, ha visto la partecipazione di migliaia di giovani
aspiranti artisti, dimostrando la continua esigenza delle nuove generazioni di palchi dove far
sentire la propria voce e mostrare il proprio talento.

“IS ME è il nostro modo per supportare i nuovi talenti e costruire dinamiche forti con le nuove
generazioni. Il singolo di Jasmine è la prova che il format funziona. Naturalmente vogliamo
migliorarlo ed essere ancora più rilevanti nel sostenere il talento e dare voce e spazio ai
ragazzi/e. Stiamo già lavorando a diverse novità per l’edizione 2022”
ha detto Antonio Marrari Head of Marketing AW LAB.

Incentivare il talento, dare voce alle nuove generazioni, un palco a chi ha qualcosa da dire,
questa è PLUG-Mi e con la vittoria di Jasley da oggi abbiamo una vera ambasciatrice dei
nostri valori”
ha concluso Domenico Romano, CEO Fandango Club Creators.

https://www.aw-lab.com

Continua a leggere

Brands, Events and People

La nuova campagna di Kappa AI 2021 con 5 talenti e un mistero da scoprire

Pubblicato

il

Hell Raton, Ernia, Shades of Banana, Unghie della Madonna e Floriano Pellegrino

Cosa ci fanno insieme Hell Raton, Ernia, Shades of Banana, Unghie della Madonna e Floriano Pellegrino? Perchè stanno fuggendo? Ce lo spiega la nuova campagna di Kappa, che prosegue con il messaggio di KEEPperforming, ma lo evolve in una chiave comunicativa del tutto nuova.

Siamo nel pieno di un’indagine di cui giornali, tg e social non possono fare a meno di parlare: 5 personaggi sono in fuga e uno è stato rapito. Tutti vogliono sapere la loro formula segreta: cosa significa KEEPperforming? Perchè non vogliono confessare? Uno storytelling del tutto inaspettato, con un’ironia fresca e nuova che nasconde però un grande messaggio per la Generazione Z: durante questa partita possiamo essere tutto ciò che ci piace, giocare ogni volta un nuovo ed inaspettato ruolo e questo è il segreto per non smettere mai di innamorarci di ciò che facciamo.

Per questa nuova stagione Keep Performing significa non smettere di scoprire chi sei per essere tutto ciò che vuoi, mettersi sempre in gioco, per rendere la partita piena di colpi di scena.

Non saremo sempre vincitori, ma saremo sempre ottimi compagni di squadra” per citare Hell Raton, brand lover e testimonial da 3 stagioni, ancora una volta a bordo della squadra Keep Performing: Manuel sarà catturato dall’investigatore alla ricerca della formula segreta e cercherà di far fuggire tutti gli altri protagonisti dalla stessa sorte, mentre confessa cosa significa per lui non mollare mai.

Valentina Vernia, sui social conosciuta come Banana, porta una scarica di energia attraverso il suo amore per la danza ma confessa cosa sognava di fare da bambina e cosa invece desidererebbe diventare in futuro.

E se Ernia non avesse inseguito il sogno della musica cosa sarebbe diventato? E cosa ci fa con una mazza da golf? La risposta è semplice: ci insegna che non siamo mai solo quello che facciamo, ma tutto quello che desideriamo essere o diventare, siamo ogni volta un nuovo giocatore per noi stessi.

La talentuosa Nail Artist Isabella Franchi, in arte Unghie della Madonna, rappresenta l’esempio perfetto di chi ha saputo reinventarsi e costruirsi un futuro tutto suo.

Cosi come Floriano Pellegrino, owner e chef presso Bros’ , ristorante di Lecce con una stella Michelin che ha creato un nuovo modo di intendere la cucina, attraverso la sua personale visione.

Una campagna firmata Milky Media, agenzia creativa milanese che da sempre segue le campagne del brand, con la regia di Andrea Losa e la fotografia di Ilaria Ieie. Il brand sportswear ancora una volta sceglie di raccontare delle storie di personalità autentiche, creative e pronte a mettersi in gioco, ma lo fa con un nuovo tono di voce, insolito ma avvincente, che fa l’occhiolino al trattamento cinematografico e fa divertire lo spettatore: l’ironia questa volta è il fil rouge della campagna di Kappa, che ci insegna che non esiste una sola formula segreta per il successo, ma ciascuno di noi deve prima trovare se stesso e poi mettersi alla prova ogni giorno, per essere la persona più divertente ed inaspettata che ha mai conosciuto.

https://www.kappa.com/it/home

Continua a leggere

Di Tendenza