C.P. COMPANY nuove giacche Collezione autunno inverno 2019 2020

Per la collezione Autunno-Inverno 2019, C.P. COMPANY presenta le sue due giacche più iconiche – La Explorer e la Mille con un look completamente nuovo.

Realizzate in Quartz – un tessuto in nylon multi filamento, che crea variazioni di colore grazie all’alternanza di vari tessuti di nylon per trama e ordito – con un rivestimento in gomma per cappuccio, spalle e petto.

Il mix tra nylon e gomma riprende il concetto del Colour-zoning, già presentato per la stagione FW2018: il concetto tecnico di abbigliamento outdoor è combinato con la tintura in capo per produrre un pezzo dal design più aggressivo e orientato alla performance.

C.P. COMPANY nuove giacche Collezione autunno inverno 2019 2020

Le giacche della FW 2019 acquistano un taglio esclusivo e moderno. L’incontro perfetto tra la tradizione del marchio e la continua ricerca dell’innovazione.

QUARTZ – La gamma di fibre in nylon è vasta, con una grande varietà di filati, torsioni e finiture al centro. Il tessuto Quartz non è un’eccezione alla regola: mescola diversi fili di nylon in trama e ordito per ottenere sottili variazioni di colore.

About C.P. Company

Nel 1978 Massimo Osti, un giovane graphic designer di Bologna, successivamente soprannominato “il padrino dello sportswear”, cambiò il nome del suo brand Chester Perry, fondato nel 1971 e famoso per le sue t-shirt stampate, in C.P. Company. Questo nome, più diretto ed asciutto, diede vita ad una vera e propria rivoluzione nella storia dello sportswear.
Negli ultimi decenni il marchio si è imposto come precursore di un’estetica che combina la funzionalità dello stile militare, con la continua ricerca nell’innovazione dei tessuti, che trova il suo apice nella tintura in capo; tecnica che fu creata da C.P. Company a metà degli anni Settanta. Il mix tra abbigliamento funzionale maschile, l’innovazione dei tessuti e in know-how italiano, è all’origine del brand e rimane ancora oggi la base di ogni capo C.P. Company.

www.cpcompany.com/it

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *